NORD-OVEST

GUIDA ISLANDA – NORD-OVEST

ATTRAZIONI NATURALI

HVITSERKUR- E’ un faraglione dalla forma particolare alto 15 metri

CANYON DI KOLUGLJUFUR – E’ una gola di 2 km di lunghezza e 20-25 m di profondità scavata dal fiume Viðidalsa, che con alcuni salti, crea anche una graziosa cascata.

VALLE DI OXNADALUR – E’ una bellissima valle lunga circa 30 km, fiancheggiata dalla guglia di Hraundrangi (1075 m) e le spettacolari vette di Haafjall

GLAUMBAER – Museo della Fattoria di Torba – Pieno di mobili d’epoca ed accessori del ‘700 e del ‘800, è il miglior museo del paese del suo genere, è ospitato all’interno di 12 case di torba. Vicino la chiesa di Glaumbaer, è sepolto Snorri Thorfinnsson, il primo europeo ad essere nato nell’America del Nord nel 1004.

MONTE TINDASTOLL (989 m) : Raggiungete la sua cima, la vista sullo Skagafjordur è meravigliosa, il sentiero comincia a fianco della strada n° 745 a ovest della montagna

ISOLE DI DRANGEY E MALMEY : Sono entrambe disabitate dall’uomo (Malmey dal 1951), ma abitate da diverse specie di uccelli che vi nidificano, per raggiungerle recatevi al centro informazioni di Varmahlid.

GODAFOSS – La cascata degli Dei, si getta dal campo di lava di Bardardalur, potrete vederla direttamente dalla Ring Road, non è spettacolare come le altre più famose, ma sicuramente merita una sosta.

ATTIVITA’

EQUITAZIONE E NON SOLO PRESSO GAUKSMYRI – Oltre ad essere un ottimo posto per pernottare, offre numerose attività legate sia all’equitazione che  alle attività all’aperto, tra cui birdwatching, giri in slitta trainata dai cani in inverno, oppure qualora foste particolarmente stanchi potreste ricorrere a dei massaggi

EQUITAZIONE CON BREKKULAEKUR – Propone escursioni a cavallo che possono durare anche alcuni giorni

EQUITAZIONE NELLO SKAFJOURDUR – Questa regione è rinomata, oltre che per il rafting, anche per i numerosi allevamenti di cavalli, la Hestasport è uno dei maneggi più famosi del paese, anche le fattorie di Lytingsstadir, Flugmyri e Varmilaekur offrono molte attività ed escursioni.

SKAGASTROND – PUB KANTRYBAER – L’unica attrazione degna di nota di questo villaggio è proprio questo pub, se volete respirare un pò di selvaggio west, provate ad entrare qui dentro, è l’unico posto in Islanda dove potrete ascoltare musica country in una atmosfera molto rustica, ottimo anche il cibo, troverete sia pietanze locali che i classici piatti americani. Al piano superiore è allestito un piccolo museo dedicato al genere musicale

RAFTING – Varmahlid, tra maggio e settembre è tra i posti migliori per praticare rafting, la Hestasport Activity Tours è un centro specializzato in questo sport. Anche la fattoria Bakkaflot, organizze uscite di rafting.

VARMAHLID – ESCURSIONI IN SUPERJEEP – L’agenzia JSJ Tours propone diverse escursioni

HAUGANES – Fermatevi in questo villaggio, vicino Dalvik, per salire a bordo del vecchio peschereccio Niels Jonsson, propone whale watching,  battute di pesca ed escursioni

ESCURSIONI – L’agenzia Sporttours ne propone diverse, si trova vicino Dalvik

ALTRO

HVAMMSTANGI – Centro Islandese della Foca – Troverete tutto quello che riguarda questo animale e non solo

HINDISVIK – A est  sorge il centro di ripruduzione della più grande colonia di foche del paese

CHIESA IN PIETRA – Thingeyrar è una bella chiesa adagiata sulla laguna di Hop costruita nella metà del 1800

BLONDUOS – Museo dei Tessuti – Espone pezzi di artigianato locale e custumi tipici dell’antica Islanda, è annesso un caffè.

BLONDUOS – Centro sul Ghiaccio Marino – E’ dedicato interamente al ghiaccio e ai ghiacciai

CHIESA DI HOLAR – Questa cattedrale fu ultimata nel 1763, edificata in arenaria rossa proveniente dall’Holabyrda, è la più antica chiesa in pietra di tutta l’Islanda. L’interno custodisce diversi capolavori storici, come la pala dell’altare realizzata in Germania nel 1500 o il fonte battesimale scolpito da un blocco di Steatite che giunse dalla Groenlandia su una massa di banchisa galleggiante. Il campanile risale al 1950.

HOLAR – Centro sulla Storia del Cavallo Islandese – Dedicato alla razza equina autoctona islandese

HOFSOS – Anche se piccolissimo come centro urbano, merita una visita, lo scorcio sul porto è idilliaco, nel XVI Hofsos ero un fiorente centro di commercio. Nei pressi del piccolo porto potrete vedere la Pakkhusid, un magazzino costruito nel 1777 con i tronchi incatramati dalla compagnia Reale Danese della Groenlandia, è uno degli edifici più antichi del paese ancora all’impiedi.

ISOLA DI HRISEY – Dopo Heimaey, è la seconda isola per dimensioni, si trova proprio nel mezzo del fiordo Eyjafjordur ed è popolata da circa 180 persone, l’isola è un’ area protetta, essendo  sede di riproduzione della Pernice Bianca Nordica e popolata da Adedroni e Sterne Artiche. Un tempo, l’attività principale era la salatura del pesce, oggi praticamente l’intera comunità, è impiegata in una stazione di quarantena per gli animali da compagnia e per il bestiame importato in Islanda. L’ isola è attraversata da diversi percorsi naturalistici, ma sappiate che se volete raggiungere la zona settentrionale dovrete procurarvi un permesso, è in questa parte dell’isola che le Pernici e gli Ededroni si riproducono. Da provare la visita dell’isola in trattore. Hrisey viene raggiunta dal traghetto Saevar con numerose corse al giorno da Arskogssandur, mentre nella stagione estiva anche da Dalvik

DALVIK – MUSEO – All’ interno è allestita una stanza dedicata al gigante Johann Petursson, che con i suoi 2,34 m di altezza era l’uomo più alto d’ Islanda, sono conservati oggetti personali e fotografie

OLAFSFJORDUR – MUSEO DI STORIA NATURALE – E’ un piccolo museo dedicato per lo più all’avifauna islandese

OLAFSFJORDUR – Nella stagione invernale sopra la cittadina aprono numerose piste da scii.

ISOLA DI GIMSEY – Oggi uno dei motivi principali che porta i turisti sull’isola è per avere  il certificato che attesta che avete attraversato il circolo polare artico, essendo l’unica parte del paese attraversata da quest’ultimo. Le scogliere sono molto belle e popolate da circa 36 specie diverse di uccelli. L’ isola viene raggiunta da Dalvik, dal traghetto Saefari, che salpa i gliorni dispari alle 9 per ritornare alla 16, durante l’estate, l’isola è raggiungibile da Akureyri anche in aereo con Air Iceland.

MUSEO DI ARTE POPOLARE – Si trova lungo la sponda orientale dell ‘Eyjafjordur, vale la pena visitarlo, all’interno è raccolto veramente di tutto

CHIESETTA DI GRUND – Circa 5 km oltre Hrafnagil, vi ritroverete davanti questa particolare chiesa dalla cupula a cipolla, fu costruita nel 1905

CHIESA COL TETTO DI TORBA – Si trova all’interno della fattoria di Saurbaer, 28 km a sud di Akureyri sulla strada 821, la chiesa è in pietra e risale al 1838.

SOLGARDUR – MUSEO DEI PICCOLI OGGETTI – Al suo interno troverete una bella collezione di orologi, utensili, attrezzi e altri oggetti di varia natura

SIGLUFJORDUR

Museo – All’interno di un vecchio stabilimento norvegese, vengono ricreate le condizioni di lavoro e di vita degli abitanti, accanto c’è la ricostruzione del vecchio impianto di raffinazione, dove veniva estratto l’olio e la farina dall’aringa, il sabato potrete assistere ad una dimostrazione della salatura delle aringhe.

Centro per la Musica Popolare Islandese – illustra la storia e l’evoluzione della musica popolare locale

Escursioni – Sono diverse le possibilità di fare un’escursione consultate il sito della cittadina, se non avete molto tempo con una breve camminata verso nord, potrete raggiungere l’impianto di aringhe abbandonato, che fu distrutto da una valanga nel 1919

FESTA DELL’ARINGA – Si svolge durante il primo weekend di agosto, è una festa locale molto divertente

FESTIVAL DI MUSICA POPOLARE – Successivamente alla festa dell’aringa comincia quest’altro festival dedicato alla musica locale ma anche straniera.

AKUREYRI

DA VEDERE

CHIESA CITTADINA – Fu progettatta da Samuelsson, lo stesso architetto dell ‘Hallgrimskirkja della capitale, infatti l’esterno della chiesa ripresenta lo stesso stile, riprendendo i basalti colonnari tipici in Islanda. Costruita nel 1940, l’interno custodisce un grande organo a 3200 canne

MUSEO CITTADINO – Espone una collezione di oggetti d’arte ed illustra la vita dei primi coloni islandesi

MUSEO DELL’AVIAZIONE – Racconta la storia dell’aviazione islandese, dal 1919, anno del primo volo, ai giorni nostri, veramente interessante

MUSEO DELL’ INDUSTRIA – Mostra i prodotti di oltre 40 ditte locali

ORTO BOTANICO – All’ interno del Lystigardurinn, troverete tutte le specie endemiche islandesi e una ricca collezione di piante di alta quota provenienti da tutto il mondo

BOSCO DI KJARNASKOGUR – Qui potrete passeggiare in mezzo ad una vera e piccola foresta, approfittatene, è una rara occasione per potere osservare degli alberi, in Islanda, una vera rarità

DA FARE

NUOTO – Vicino il campeggio c’ è una grande piscina ed un complesso acquatico che comprende, vasche calde, saune, idromassaggi e solarium

EQUITAZIONE – Se avete voglia di un’ escursione o passeggiata a cavallo rivolgetevi al Polar Hestar, uno dei più importanti maneggi dell’Islanda del nord, oppure al Nordanhestar che si trova ad Hamrar

ESCURSIONI IN BARCA – L’ agenzia più importante è l’ Haffari che organizza escursioni, whale watching, ma anche pesca d’altura. Interessante anche l’ Huni II, oltre a proporre uscite in mare o nel fiordo, quando l’imbarcazione attracca si trasforma in un museo.

ESCURSIONI ORGANIZZATE – Per escursioni nella zona rivolgetivi a Nonni Travel o alla Ffa

GOLF – L’islanda è uno dei pochi posti al mondo dove potrete fare una partita a golf sotto la pallida luce del sole di mezzanotte, se siete ad Akureyri recatevi allo Jadarsvollur, il campo oltre ad essere aperto 24h è sede del torneo Arctic Open, una gara di 36 ore che si disputa durante le ore notturne alla fine di giugno

SCI – A ovest della città sorge il miglior complesso sciistico del paese,  l’ Hlidarfjall, con piste per tutte le difficoltà e aperte anche di notte, la stagione parte a dicembre e finisce solitamente in aprile

 IMMERSIONI – L’ agenzia Strytan, organizza immersioni nell ‘ Eyjafjordur, se siete amanti di questa disciplina, non potete perdervela, a parte le acque trasparenti, appena sotto le onde sono presenti i Strytan, dei conI giganteschi di vapore che salgono dal fondo dell’oceano, un fenomeno che non potrete osservare  da nessun’ altra parte del mondo

FESTIVAL DELLE ARTI – E’ una festa annuale che si tiene per 10 settimane dalla fine di giugno , mostre, concerti e spettacoli sono tutti gratuiti

COME ARRIVARE

AEREO – La Iceland Express collega Akureyri a Londra Gatwick e Copenaghen con due voli a settimana, se arrivate invece nella capitale, rivolgetevi alla Air iceland, i voli sono molto  frequenti e durano in media 45 minuti

AUTOBUS – La SBA e la STERNA si occupano di collegare la capitale con Akureyri (in 5 ore e 45 minuti) per informazioni e dettagli visitate il loro sito

Be Sociable, Share!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*